Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

PDF Stampa E-mail
Itinerari

Il b&b Augusta dista 20 Km da Siracusa da la possibilità di visitare tutta la provincia senza dover fare molta strada e a costi inferiori

Siracusa, immagine di quella metropoli dell'antichità che ha segnato la storia della civiltà mediterranea, è conosciuta nel mondo per i tesori archeologici, i monumenti e le ricchezze naturali che possiede.

Per una visita quanto più completa alla città si consiglia di iniziare dal museo P. Orsi; collocato all'interno di villa Landolina, questo Museo ospita una delle più importanti collezioni archeologiche d'Italia: oltre 20.000 reperti che raccontano il percorso culturale della Sicilia orientale dal paleolitico superiore all'età cristiana; bellissima la Venere Anadiomene (II sec.a.C), scoperta dall'archeologo Landolina nel 1804. Non lontano dal museo P. Orsi si trovano le catacombe di S. Giovanni che custodiscono numerose cripte del paleocristiano, e il santuario della Madonna delle Lacrime.

Proseguendo lungo il viale Teocrito si giunge al parco archeologico di Siracusa: storia vivente della cultura greca e romana; nel parco archeologico si possono ammirare l'Anfiteatro romano (II sec. d.C), secondo per dimensioni soltanto a quello di Verona; il Teatro greco (III sec. a. C.) che, per la sua posizione naturale, riesce a sfruttare scenograficamente luci, colori e ambiente; le Latomie (antiche e profonde cave di pietra), usate dai tiranni siracusani come prigioni. Delle numerose Latomie è possibile visitare quella del Paradiso che contiene il noto "orecchio di Dioniso",dalla forma simile ad un padiglione auricolare: il nome le fu dato dal pittore Caravaggio, impressionato dalla sensibilità dell'eco.

Dalle Latomie l'itinerario continua verso l'isola di Ortigia, cui si giunge attraverso un ponte; qui è d'obbligo la visita al tempio di Apollo: il più antico, in stile dorico, della Sicilia. Dopo i ruderi del tempio si arriva in piazza Archimede, dove si trova la fontana della dea Diana circondata da ancelle e sirene.
Passeggiando per la via Matteotti si arriva a piazza Duomo, una delle più belle d'Italia: vi si affacciano la Cattedrale, che sorge sull' athenaion (antico tempio dorico), la Galleria numismatica (sede del più ricco patrimonio di monete antiche, divise per città e per colonie, che racconta la storia della Sicilia dal VI sec. in poi), il palazzo Beneventano.
Scendendo verso la zona costiera di Porto Grande si incontra la Fonte Aretusa, che forma i due porti di Siracusa, il Piccolo e il Grande. Raggiunta la punta estrema dell'isola si può visitare anche il castello di Maniace.
A circa otto chilometri da Ortigia, controllava le incursioni nemiche da terra, il castello Eurialo: la più imponente fortezza che l'antichità ricordi; voluto da Dioniso il Vecchio nel 401 a. C., il castello Eurialo era capace di accogliere fino a 3000 fanti e 600 cavalieri. La visita a questo gioiello dell'architettura militare offre anche la possibilità di godere di un bellissimo panorama sulla città.